Tsamikos

Anche “Tsamikos” è uno dei balli più popolari in Grecia e trova le sue radici nell’epoca di Omero. La sua denominazione deriva dagli abitanti di “Tsamurgias”, che si trova nell’Epiro, nella regione di “Thesprotia”, i cosiddetti “Tsamides”. Dopo la liberazione della Grecia dalla dominazione turca, il ballo ha acquisito carattere nazionale e si ballava in tutta la Grecia. Durante la dominazione turca era il ballo più amato dai rivoluzionari greci, i cosiddetti “kleftes”, da cui deriva il secondo nome “Kleftikos”. Veniva ballato come preparazione e allenamento prima delle missioni militari contro i turchi, perciò era considerato un ballo maschile ed esprimeva coraggio, volontà e desiderio per la vittoria. Oggi partecipano anche le donne perciò i passi e i movimenti occupano meno spazio. Viene ballato formando un cerchio e ci si muove in senso antiorario. Il ballo è caratterizzato dallo sbattere i piedi per terra e metaforicamente rappresenta la richiesta verso gli abissi della terra di scoprire le sue enormi forze nascoste. Giustamente è considerato il re dei balli tradizionali greci.